Scegli una lingua

Come fare l’inventario di magazzino con codice a barre

Come fare l’inventario di magazzino con codice a barre

by Web Master, 04/03/2019

Uno dei modi più semplici e veloci di fare l’inventario di magazzino logistico, è sicuramente attraverso l’utilizzo del codice a barre poiché l’uso di questa tecnologia è particolarmente affidabile, fornisce numerose informazioni e gli investimenti in hardware e software non sono onerosi.

Come si fa?

Mantenere sotto controllo le quantità e le giacenze dei prodotti è cosa fondamentale per la gestione del magazzino (o dei magazzini dislocati in più sedi), così come tenere traccia dei prodotti che arrivano, che vengono spediti, ma anche dei resi. Non esiste quindi ad oggi metodo più rapido dei codici a barre posti sugli imballaggi di queste merci.

Il necessario per muoversi con questa tecnologia si riduce a tre elementi:

– sulla merce deve essere applicato il codice a barre

– è necessario un lettore o un terminale barcode per la scansione dei codici

– serve collegare un software di gestione dei dati raccolti

 

Una volta ottenuto ciò che serve, l’attività come detto è particolarmente semplice dal momento che l’operatore di logistica dovrà soltanto “leggere” il codice del pacco che arriva in magazzino attraverso il terminale o lettore barcode. Automaticamente tutte le informazioni contenute nel codice appena scansionato finiranno nel software gestionale collegato, dove sarà tenuta traccia della provenienza del prodotto, sulle sue caratteristiche uniche e, in contemporanea, aggiungerlo (o sottrarlo nel caso in cui si tratti di una spedizione in uscita) alla quantità dello stesso prodotto già presente in inventario. È chiaro che resa semplice non solo l’attività di inventario ma anche le azioni quotidiane di acquisizione e spedizione delle merci, consentendo agli operatori di avere sempre sotto controllo il proprio lavoro.

Quali barcode sono più adatti

Per identificare e raccogliere dati da colli, pacchi e pallet vengono utilizzati diversi standard di codice a barre, principalmente di tipo lineare. Tra questi il GS1 128 è sicuramente il più efficiente per le applicazioni logistiche dal momento che riesce a codificare una varietà molto ampia di dati.

I benefici

Come accennato, affidare le attività di inventario ad una soluzione di raccolta dati da codice a barre, da gestire attraverso un software gestionale, porta molti benefici alla logistica e, di conseguenza, all’efficienza dell’intera azienda. Innanzitutto la velocità delle operazioni è sensibilmente più alta e, con essa, l’accuratezza e la precisione dei dati che vengono acquisiti che, a loro volta, rimangono sempre a disposizione degli operatori di magazzino. In tal modo si riducono drasticamente gli errori, le differenze inventariali e, conseguentemente i costi.

Archivio